7391.  (Storia antica e moderna - Letteratura greca e latina - Militaria)
NANNINI Remigio
Orationi militari. Raccolte per M. Remigio fiorentino, da tutti gli historici greci e latini, antichi e moderni. Con gli argomenti, che dichiarano l'occasioni, per le quali elle furono fatte
in Vinegia, appresso Gabriel Giolito de' Ferrari, 1560.

Euro 590,00

In-8° (23,5 x 15,5 cm), pp. (36), 1004, legatura ottocentesca in mezza pelle, con titoli in oro su tassello e fregi in oro al dorso. Fenditure, restaurate, nella parte superiore ed inferiore delle cerniere. Normali segni d'uso ai piatti della legatura, in particolare ai labbri. Marca tipografica al frontespizio. Con centinaia di bei capilettera xilografici animati. Nel margine inferiore del frontespizio, piccolo timbro ovale, parzialmente sbiadito. Sempre al frontespizio, due piccolissime mancanze all'interno dello spazio occupato dal timbro e una piccola mancanza nel bordo inferiore della pagina, tutte ben reintegrate con carta giapponese (vedi foto). Alcuni leggeri aloni d'umido. Piccoli segni a penna, di mano coeva, nel margine esterno della pagina con la "Tavola de gli storici contenuti nella presente opera". Al fascicolo MM, invertite la carte MM3-MM4 e le carte MM5-MM6, ma testo completo e corretto. Nella parte inferiore del margine esterno della carta con le pagine 103-104, uno strappo, senza perdite, che non interessa il testo, ben rimarginato e una piccola mancanza, lontano dal testo, reintegrata da piccolo intervento di restauro. Alle carte ospitanti le pagine 167-168, 473-474, 489-490, 643-644 e 645-646, mancanza nell'angolo inferiore esterno, lontana dal testo, reintegrata con carta giapponese. Un piccolo foro, anche in questo caso, lontano dal testo, nel margine esterno delle carte con le pagine 379-380 e 421-422, ben riparato. Per il resto, molto ben conservato. Si tratta della seconda edizione giolitina, riveduta e ampliata dall'autore, dopo la prima pubblicata nel 1557. L'opera raccoglie orazioni militari, volgarizzate, riprese dai più importanti storici dell'antichità classica e del Rinascimento. Remigio Fiorentino, al secolo Remigio Nannini, domenicano, fu scrittore e traduttore. Nato a Firenze nel 1518, compì gli studi nel convento cittadino di Santa Maria Novella, dove ricevette l'ordinazione sacerdotale e percorse le tappe ordinarie della carriera accademica. Intorno al 1554-55, si trasferì ad Ancona, per passare poi, nel 1556, a Venezia, nel convento dei SS. Giovanni e Paolo (S. Zanipolo), al quale fu formalmente transfiliato nel 1564. In laguna rimase per il resto della vita, fatta eccezione per un breve soggiorno a Roma, nel 1569, chiamato da Pio V, che gli aveva commissionato la revisione delle opere di San Tommaso, uscite poi nel 1570-71. Fu uno dei più attivi collaboratori della tipografia del Giolito, per la quale pubblicò molte sue opere e curò un numero cospicuo tra edizioni e traduzioni di altri autori, antichi e moderni. Morì a Firenze nel 1580, per una febbre improvvisa, durante un breve soggiorno nella sua città natale. Di seguito la "Tavola de gli storici contenuti nella presente opera": Orationi di Tucidide, de' fatti de' Greci; Di Herodoto, delle cose de' Persi; Di Senofonte, de' fatti di Ciro minore; Del medesimo, de' fatti di Ciro maggiore; Del medesimo, de' fatti de' Greci; Di Dionisio Alicarnaseo, delle cose de' Romani; Di Polibio, delle guerre esterne de' Romani; Di Appiano Alessandrino, delle guerre esterne; Del medesimo, delle guerre civili; Di DIone, delle cose de' Romani; Di Cornelio Tacito, delle cose de gli Imperadori di Roma; Di Herodiano, de' fatti de gli Imperadori Romani; Di Iosefo, della guerra Giudaica; Di Plutarco, delle Vite; Di Tito Livio; Di Salustio, della congiura di Catilina, e contra Iugurta; Di Cesare, de' suoi fatti in Francia; Di Quinto Curtio, de' fatti d'Alessandro Magno; Di Egesippo, della guerra Giudaica; Di Ammiano Marcellino, de gli Imperadori Romani; Di Procopio, de' fatti de' Gotti; Di Sassone grammatico, delle cose della Datia; Di Lionardo Aretino, delle cose di Fiorenza; Di Poggio Fiorentino, delle guerre de' Fiorentini col Duca di Milano; Di Marco Antonio Sabellico, delle cose de' Venetiani; Di Paolo Emilio, dell'historie di Francia; Di Benedetto Accolti, dell'impresa di Terra santa; Del Corio, delle cose di Milano; Di Nicolò Machiavelli, delle cose di Fiorenze; D'Agostino Giustiniano, de' fatti de' Genovesi; Di Galeazzo Capella, delle guerre di Milano, per Francesco Sforza; Del Cardinal Bembo; Dell'origine de' Barbari; Dell'Historie de' Turchi; Di Monsignor Giovio, prima parte; Del medesimo, seconda parte; Di Girolamo Faletti, delle guerre di Lamagna; Di Ascanio Centorio, delle guerre di Transilvania. Titolo completo: Orationi militari. Raccolte per M. Remigio fiorentino, da tutti gli historici greci e latini, antichi e moderni. Con gli argomenti, che dichiarano l'occasioni, per le quali elle furono fatte. Con gli effetti, in questa seconda editione, che elle fecero ne gli animi di coloro, che l'ascoltarono, dove sommariamente si toccano l'Historie di tutti i tempi. Con l'aggiunta di molti historici et orationi, non impresse nella prima. Dal medesimo autore diligentemente corrette.